Seminare manutenzione e cura

L'allevamento di animali di successo e redditizio è possibile solo con cure di qualità per la prole. Ma prima che appaia la prole, è necessario fornire il necessario mantenimento al patrimonio riproduttivo, in particolare alle femmine. E i maiali non fanno eccezione al riguardo. Solo una scrofa sana può offrire una prole sana. Ed è importante non solo la qualità del contenuto delle scrofe da riproduzione in gravidanza. È necessario nutrirli e curarli adeguatamente anche nel periodo precedente alla fecondazione o al parto.

Seminare manutenzione e cura

scrofe

Per capire come tenere le scrofe, devi capire in quali periodi è diviso il loro contenuto. Senza questa conoscenza utile, non sarà possibile fornire cure adeguate per ciascuna delle regine. E per non distruggere gli animali con le tue mani, devi capire come sono tenuti e con quali principi. Esistono due metodi di contenuto principali: individuo e gruppo. In questo caso, è necessario decidere quando e come applicare ciascuna di queste tecniche. Tutto dipende dalle condizioni dell'animale:

  • Le scrofe sono single o in preparazione per l'accoppiamento, vengono allevate con l'intera mandria. Inoltre, in una penna non ci possono essere più di 10-12 obiettivi e ognuno dovrebbe avere 2 metri quadrati di area. Oppure sono tenuti in macchine per l'inseminazione artificiale.
  • Femmine in gravidanza. Il periodo di gestazione è diviso in due fasi principali, e in questo momento la femmina viene solitamente mantenuta con un altro branco. Sebbene, se esiste tale opportunità, nel secondo periodo l'utero viene tenuto separatamente. La gravidanza dovrebbe procedere tranquillamente, al fine di evitare aborti spontanei. Un utero incinta è tenuto in una penna, dove sono assegnati 2, 5-3 metri quadrati di area.
  • Utero durante il travaglio e scrofe in allattamento. Mentre la femmina è con i maialini, deve essere tenuta separata dal resto della mandria. E la nascita stessa dovrebbe avvenire dove il maiale non disturba gli altri animali. Scrofe e maialini sono tenuti separatamente dalla loro nascita. Ciò contribuirà a garantire la normale alimentazione e lo sviluppo dei bambini.

Dovremmo anche parlare di come le scrofe gravide sono tenute in cura di gruppo. Negli allevamenti di medie e grandi dimensioni, gli animali in gravidanza sono tenuti in una penna separata, per praticità nell'alimentazione e nella conservazione. Allo stesso tempo, cercano di tenere insieme quelle femmine che hanno lo stesso termine di consegna. Certo, è impossibile fare un'ipotesi ideale, ma la coincidenza dovrebbe essere entro un mese. Quindi sarà più facile piantarli in tempo, oltre a fornire loro una dieta adeguata. Ma vale ancora la pena notare la data di consegna approssimativa di ogni parotite.

Come procede il ciclo sessuale della scrofa?

Cos'altro dovrebbe capire l'agricoltore è come le scrofe hanno un ciclo sessuale. Quindi saprà esattamente quando arriva il momento di coprire il maiale e come farlo con la massima efficienza. Per prima cosa devi capire quando il maiale matura e con quale frequenza procede la caccia. E quindi è già necessario analizzare tutte le sue caratteristiche principali, da cui viene determinato questo periodo. Senza questo, non sarà possibile capire quando la scrofa permetterà a un cinghiale di avvicinarsi a se stesso e quando è meglio accoppiarsi.

La pubertà si verifica anche prima che l'animale sia completamente maturo e cade al 7 ° mese di vita di una giovane femmina. Fu in quel momento che apparvero i primi segni di caccia. Tutto inizia con cambiamenti nel comportamento e in cambiamenti esterni nei genitali esterni. Si gonfiano, arrossiscono, appare lo scarico - questo inizia l'estro. La scrofa stessa è costantemente preoccupata, a volte strilla e chiarisce chiaramente che è pronta per l'accoppiamento. Tuttavia, non mostra molto interesse per il cibo.

Un gran numero di maialini in una scrofa

Questo è tutto chiamato il periodo di attività sessuale, che precede la caccia vera e propria. Fu in quel momento che l'agricoltore deve monitorare attentamente l'utero in modo da non perdere i segni di prontezza per l'accoppiamento. La caccia inizia quando la scrofa lascia a sé il cinghiale e si blocca anche quando viene premuta nella regione lombare. Sicuramente puoi scoprirlo usando il cosiddetto cinghiale di prova. Non mancherà mai quei segni che indicano l'inizio della caccia. Ma ci sono alcune regole con cui vale la pena accoppiarsi.

Accoppiamento ottimale nelle scrofe

C'è una cosa come la gravidanza multipla, e significa un gran numero di suinetti in una cucciolata. E dipende da quando esattamente la scrofa è stata rivestita. Il fatto è che la quantità di sperma del verro arriva alle uova dipende dal tempo di copertura. Il successo della fecondazione e, di conseguenza, della fertilità multipla, dipende da questo. In media, per una buona inseminazione, l'accoppiamento dovrebbe essere effettuato esattamente un giorno dopo l'inizio della caccia. Ma in questa materia vale anche la pena considerare l'età dell'utero fecondato:

  • Le giovani femmine, che non sono mai state coperte prima, possono accoppiarsi entro e non oltre 28 ore dopo l'inizio. Altrimenti, il numero di suinetti nella cucciolata sarà inferiore al numero richiesto. Anche se il giovane utero spesso dà alla luce un minor numero di bambini, anche con fecondazione tempestiva.
  • Già dando alla luce l'utero, sono autorizzati a accoppiarsi già 15-16 ore dopo il suo inizio e non oltre 20-22 ore. In questo caso, aumentano le possibilità di ottenere un gran numero di suinetti nella cucciolata. Secondo alcuni agricoltori, la fertilizzazione delle scrofe all'età di 2-3 anni è la migliore.

All'età di un anno a 3-4 anni, la scrofa è in grado di allevare una dozzina o più suinetti per parto. Durante questo periodo, può essere utilizzato, a condizione che partorisca, in media, 2-3 volte l'anno. E quando l'utero ha 5 anni, la sua fertilità diminuisce. Pertanto, il suo utilizzo sta già diventando non redditizio. Dopo 7-8 anni, la femmina perde la sua capacità di riprodursi. In media, una scrofa è in grado di dare alla luce e crescere due dozzine di bambini all'anno senza grossi problemi, per 2-3 anni dalla prima inseminazione.

In questo caso, è necessario tenere conto della frequenza della caccia nel ciclo sessuale. Non è difficile creare un calendario qui, un agricoltore alle prime armi ce la farà. In media, il periodo di caccia si ripete ogni tre settimane. Questo non tiene conto del tempo che l'animale trascorre in uno stato di eccitazione sessuale. Ecco come appare il ciclo riproduttivo in una scrofa sana. Il primo stadio di eccitazione, che precede la caccia, dura 3-5 giorni. Poi arriva la vera fase di caccia, della durata di 1, 5-5 giorni. Dopo questo, la femmina si calma entro una settimana, non più a lungo.

Durante il periodo di calma, l'animale diventa letargico, giace a lungo e risparmia energia. A poco a poco, l'appetito normale inizia a tornare, mentre la sua continua assenza sarà un segnale allarmante. Successivamente, già entro 1, 5-2 settimane, la scrofa ritorna alle sue condizioni normali, a condizione che non sia stata fecondata. L'ultima raccomandazione per la fecondazione: non usare un cinghiale troppo pesante al suo interno, che con il suo peso potrebbe danneggiare la colonna vertebrale della femmina.

Inseminazione artificiale delle scrofe

Indipendentemente dal tipo di razza suina allevata da un agricoltore, con un gran numero di capi di bestiame, si deve ricorrere all'inseminazione artificiale. L'inseminazione artificiale viene utilizzata nei casi in cui i verri dei produttori non sono sufficienti per l'intero numero di femmine. Le scrofe possono essere seminate con un seme pre-raccolto da un cinghiale da riproduzione. Ma, sebbene spesso puoi ricorrere a questo metodo, ha le sue difficoltà. Qui è necessario non solo avere l'attrezzatura necessaria, ma anche le abilità per usarla correttamente.

Con questo metodo vengono spesso utilizzate macchine per l'inseminazione e la manutenzione delle scrofe. Ti permettono di riparare l'animale nella giusta posizione e facilitano il lavoro dell'agricoltore. Ancora una volta, è vantaggioso utilizzarli nell'allevamento industriale di suini, sebbene le macchine possano essere utilizzate in piccoli allevamenti. Un tale dispositivo può contenere anche una scrofa incinta. E i singoli animali con l'aiuto di macchine vengono esaminati dai veterinari. Questo aiuta a prescrivere il giusto trattamento.

Inseminazione riuscita

Ma devi acquistare non solo una macchina, ci sono altre attrezzature che l'agricoltore dovrà usare. Secondo gli esperti, da un cinghiale è possibile raccogliere semi per la fecondazione, almeno centinaia di scrofe. Ma questo è soggetto alla condizione che il seme venga raccolto e conservato correttamente. Per l'inseminazione, ci sono diverse opzioni del dispositivo, ognuna delle quali è adatta per un tipo particolare. In totale, ci sono due principali tipi di fertilizzazione che vengono utilizzati nella maggior parte degli allevamenti di suini.

Tecnica per l'inseminazione artificiale delle scrofe

L'inseminazione artificiale viene effettuata in due modi principali, ma un agricoltore inesperto dovrebbe usare solo il primo metodo. Ovviamente puoi usare il video di formazione, ma è meglio ricorrere all'aiuto di un professionista. Quando lo specialista tiene una consulenza e mostra come tutto è fatto, puoi già provare a fare tutto da solo. Quando acquisti un equipaggiamento, devi prima decidere il metodo. Le differenze tra i metodi non sono solo nel nome, ma anche nella tecnologia del processo.

La tecnica principale consiste nell'utilizzare semi diluiti. Per la diluizione, viene utilizzata una soluzione composta da normale sale, glucosio e acqua. Non dovresti usare sale iodato. Anche l'acqua del rubinetto non si adatta, è necessario un liquido distillato pulito. Il rapporto tra acqua, glucosio e sale è di 1000, 30 e 5. Pertanto, vengono prelevati 15 grammi di glucosio e 2, 5 grammi di sale per 0, 5 litri di soluzione. Una volta diluiti, vengono prese 2 parti della soluzione per parte del seme. Per l'introduzione, utilizzare solo strumenti puliti.

Il contenuto della scrofa incinta

Se l'inseminazione ha avuto successo, l'agricoltore deve pensare a come garantire il corretto contenuto della scrofa incinta. La madre-figlia (un capannone per la conservazione dei suini in gravidanza) deve essere dotata di un'apposita macchina. La macchina viene utilizzata anche nei casi in cui l'utero è contenuto in una singola penna. Quando si prendono cura degli animali, bisogna ricordare che le persone di solito non spaventano i maiali, ma una donna incinta diventa più sospettosa e irrequieta. Pertanto, altre persone, tranne il proprietario, non dovrebbero disturbarla inutilmente.

Il periodo di gestazione è generalmente diviso in due fasi principali. Nella prima fase della gravidanza (dura 85-90 giorni), i suini possono essere tenuti in piccoli gruppi. Ma questo periodo può variare tra animali e nel terzo mese è meglio assegnare un po 'più di area per ogni scrofa. A casa, quando c'è solo una parotite incinta, viene tenuto nella stessa stanza. Pertanto, a casa, viene separato dai restanti maiali immediatamente dopo l'inseminazione. Quindi la gravidanza procede meglio.

Dopo il terzo mese e fino al momento in cui si avvicina la fine della gravidanza, il maiale dovrebbe essere già tenuto separatamente. In questo caso, è consigliabile preparare una macchina speciale per lei. Puoi farlo a casa con le tue mani o acquistarlo pronto. Nella macchina, l'utero è tenuto con la testa verso l'uscita e il pavimento è coperto da un riempitivo fresco e morbido. Adatto paglia o segatura. In questo caso, le celle devono essere selezionate in modo tale da non ferire le scrofe in esse contenute. Pertanto, vengono solitamente acquistate grandi fattorie cellulari.

Nutrire una scrofa incinta

Nutrire le scrofe in gravidanza è una parte importante della cura degli animali durante la gravidanza. Per dare alla luce una scrofa che allatta senza problemi, è necessario fornirgli la quantità e la qualità dell'alimentazione necessarie. Una femmina appena rivestita dovrebbe ricevere meno cibo dei suoi singoli beni. Nei primi tre mesi di gestazione, la quantità diminuisce di un quinto rispetto a una dieta normale. Allo stesso tempo, solo l'alimentazione composta di alta qualità è adatta all'alimentazione, in combinazione con il necessario set di premiscele.

Calcola la dieta in base alle unità di alimentazione. I primi 80-90 giorni, l'alimentazione viene effettuata in modo che l'animale riceva 1, 2 unità di alimentazione al giorno con un peso di un centesimo. E nel quarto mese di gestazione, questo numero aumenta gradualmente a 1, 5-1, 6 unità di alimentazione. Anche la quantità di proteine ​​che riceve un maiale sta cambiando. Dovrebbe essere nutrito in modo che nella prima fase della gravidanza ricevesse 120-130 grammi di proteine ​​per cento in peso. Nel secondo stadio, questo numero aumenta a 160-170 grammi.

Quando l'utero porta alla prole, richiede ulteriori vitamine e minerali. Mentre trasporta bambini, ha sicuramente bisogno di calcio e fosforo. Queste sostanze sono necessarie per la corretta formazione del feto durante la gravidanza. Per ogni centesimo di peso sono necessari circa 12 grammi di calcio e circa 9-10 grammi di fosforo. Durante i primi 90 giorni, questa quantità è necessaria per un maiale che pesa un centesimo. E negli ultimi giorni di gravidanza, questa quantità aumenta rispettivamente a 14 e 10-11 grammi.

Parto e scrofe postpartum con suinetti

Una scrofa giovane e sana di solito suini senza problemi. Se la sua alimentazione è stata effettuata secondo tutte le regole, allora non si muove e il parto si verifica in tempo. Quando un maiale cammina, vale la pena fare un'ecografia, nel caso ci siano bambini morti nel suo grembo. E quello che non dovresti fare è provare a fare una diagnosi da solo. In modo che l'utero non schiacci le ventose, deve essere tenuto in una macchina separata. Bene, se ci sono problemi con i suinetti neonati (ad esempio, il bambino non mangia bene), dovresti consultare un veterinario.

Dopo la nascita dei neonati, la loro madre ha ancora bisogno di cure separate. Se non si osserva l'igiene, possono comparire metrite o vermi (ivermec può aiutare qui). A volte ci sono problemi con i neonati. Spesso mordono e tirano la mammella, che causa la mastite. Per questo e una serie di altre ragioni, a volte si verifica l'agalattia: la perdita di latte. La sensazione di latte dipende dalla qualità della dieta e dalla cura dell'utero. A volte con problemi postpartum, l'ossitocina aiuta, che viene utilizzata come indicato da un medico.

Svezzamento di suinetti da una scrofa

È necessario svezzare (o combattere) i suinetti dall'utero all'età di 30 giorni. I bambini mensili possono essere facilmente svezzati e svezzati dal latte materno. Ciò potrebbe causare problemi in seguito. E se le scrofe che allattano non danno abbastanza latte, vengono portate via anche prima. Ma la scomunica subito dopo la nascita danneggia solo. Se, ad esempio, i suinetti giornalieri vengono riconquistati dopo la nascita, riceveranno poche sostanze utili. Lo stesso che contiene colostro. E poi anche quei bambini che sono nati sani saranno vulnerabili alle malattie.

Quando è necessario piantare maialini dalla madre? In primo luogo, se non è in grado di dar loro da mangiare. Nessun latte significa altre opzioni se non lo svezzamento. In secondo luogo, in caso di infiammazione dei capezzoli. Quindi, non appena i bambini nascono, devono essere nutriti con un sostituto del colostro. In terzo luogo, è necessario ricorrere all'alimentazione artificiale se l'utero è troppo spesso o debole. La scrofa grassa di solito mangia e schiaccia i maialini più del latte. Ma non c'è niente di buono in una scrofa debole e sottile.

Quando una femmina difficilmente riorganizza le gambe o cade e giace immobile dopo il parto, non riesce a ottenere molto colostro dai suoi capezzoli. Una scrofa sana pesa due centesimi, cammina molto e successivamente cammina con i bambini. Spesso debolezza e perdita di peso sono le conseguenze dell'infezione. Quindi vale la pena controllare la salute sia della madre che della sua prole. Non è consigliabile verificare la presenza di sintomi su video o libri. Non importa quanti libri legge un agricoltore, solo un veterinario può effettuare una diagnosi accurata. Ecco cosa scrivono i forum al riguardo:

“Non dovresti mai nemmeno provare a fare una diagnosi da solo. E ancora di più: iniettare o somministrare farmaci senza consultare un veterinario. Una scrofa con suini potrebbe non sopravvivere a questo trattamento. Dopo il parto e nel primo mese di vita, i bambini sono estremamente vulnerabili. E la loro madre è debole dopo un periodo di gestazione ".

conclusione

Per il mantenimento di una scrofa in gravidanza o in allattamento, vale la pena preparare in anticipo le condizioni adeguate. Richiede cure e non risponde bene alla manipolazione negligente. La cura di lei non è troppo complicata, ma eventuali errori possono portare alla perdita della prole e alla morte del maiale stesso. Pertanto, è necessario avvicinarsi al contenuto con tutte le possibili responsabilità.

Raccomandato

Come trapiantare piantine di melanzane
2019
Regole per piantare set di cipolle in piena terra
2019
Vnograd Regent: descrizione del grado
2019